Matite bestiali

Ti senti giraffa, elefante o leone? Matite con gomma a forma di animale, utili e piacevoli, a euro 1,50 l’una.

Bm-2018-matitegomma

Annunci

I fratelli Parmiani… con il dialetto accanto

Venerdì prossimo 23 marzo alle ore 21 ci dedicheremo alla parola: Cun e’ dialèt dacânt,  una serata in compagnia di Gianni e Paolo Parmiani… e col dialetto accanto. Ingresso a offerta libera.

Gianni-e-Paolo-Parmiani

I fratelli Parmiani per la prima volta insieme a Bottega Matteotti. E non ci sarebbe altro da dire, se non fosse per l’efficace descrizione del duo scritta da Lucia Baldini per Pavaglionelugo.net: «Gianni e Paolo Parmiani? Due grandi, semplicemente grandi. Nelle narrazioni, negli sketch, nelle canzoni. Yin e yang del dialetto, unione degli apparenti contrapposti che si sostengono a vicenda e possono anche scambiarsi i ruoli; […] ricerca culturale dal tono serio e didascalico o effetto comico immediato, ma mai banale o gratuito, presenza misurata e compassata o dichiaratamente comica, […] metafore dei valori veri dell’anima, momenti poetici e lirici o espressioni immediate e accattivanti. In una parola la Romagna».

L’appuntamento è in Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26). Informazioni: 0545 60784. Il programma è ideato e organizzato da Associazione culturale Controsenso in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo. Direzione artistica di Michele Antonellini. Con il determinante contributo economico di: Bottega Matteotti; ComputerLab; Credito Cooperativo ravennate, forlivese e imolese; Farmacia Catozzi; Natura Nuova.

Questa sera il duo Fabbri-Turchetti

Recuperiamo questa sera, sabato 10 marzo alle ore 21, il concerto che abbiamo annullato sabato scorso per maltempo: un concerto curioso e adatto a ogni palato. Protagonista il bandoneón, lo strumento a mantice inventato da un tedesco che ha trovato la sua fortuna in Argentina. A esibirsi sarà il duo composto da Marco Fabbri e Fabio Turchetti, entrambi impegnati al bandoneón. Ingresso a offerta libera.

DuoFabbriTurchetti

Il tango argentino, la canzone italiana rivisitata in chiave tanguera e brani originali costituiscono il repertorio di questo duo, che esplora tutte le possibilità sonore dell’incontro tra due bandoneón.

Marco Fabbri – bandoneonista, fisarmonicista, compositore, arrangiatore – dopo varie esperienze musicali, nel 1988 approda all’approfondimento del tango e del bandoneón. Nella trasmissione Tango della Rai accompagna Milva e Julio Iglesias. Insieme a Giorgio Zagnoni e al Nuovo Quartetto Italiano si esibisce al Teatro Comunale di Bologna in occasione del concerto di José Carreras. Con il sestetto Quejas de bandoneón, di cui è arrangiatore, ha tenuto vari concerti in Italia, in Europa e negli Stati Uniti d’America.

Fabio Turchetti, polistrumentista, si esprime principalmente attraverso l’uso dei mantici (bandoneón e organetto) e quello della voce. Ha suonato in tanti posti del mondo da solo o con gruppi di cui fa parte. Partendo dal folk e dal jazz, si è costruito un proprio linguaggio sonoro, allo stesso tempo antico e moderno. Ha pubblicato una trentina di cd firmandone quasi sempre le musiche.

L’appuntamento è in Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26). Informazioni: 0545 60784. Il programma è ideato e organizzato da Associazione culturale Controsenso in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo. Direzione artistica di Michele Antonellini. Con il determinante contributo economico di: Bottega Matteotti; ComputerLab; Credito Cooperativo ravennate, forlivese e imolese; Farmacia Catozzi; Natura Nuova.

Le tracce di Enrico Rambaldi

S’intitola Tracce su legno e metallo (sottotitolo: Antiche tecniche per nuove mani) la mostra che ci accompagnerà fino al 4 aprile prossimo; in esposizione le incisioni di Enrico Rambaldi.

Bm-2018-Rambaldi-2Enrico-Rambaldi

Enrico Rambaldi è un illustratore e incisore di Ravenna.
Ha frequentato la scuola di grafica La Nuova Eloisa di Bologna e la Scuola di fumetto di via Savona a Milano. Nel 1993 si è avvicinato al mondo dell’incisione con Giuseppe Maestri per poi proseguire il suo percorso, negli anni successivi, con Jürgen Czaschka e Annalicia Caruso. Quattro anni fa ha aperto lo studio/laboratorio Ink33 a Ravenna con l’obiettivo di portare avanti entrambe le sue vocazioni. Ha quindi formato un gruppo di professionisti del settore con i quali, in parallelo al suo lavoro di illustratore, organizza workshop sul mondo dell’incisione e la sua connessione con l’arte applicata.
In questa piccola esposizione si possono vedere alcuni dei suoi lavori d’incisione su zinco, linoleum o legno di testa.

La mostra è nella vetrina di Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26) fino al 4 aprile.

Tracce su legno e metallo fa parte di Bottega Matteotti: Arte in vetrina, spazio espositivo permanente curato da Andrea Tampieri, artista e insegnante di discipline artistiche di Bagnacavallo. Le mostre sono organizzate da Associazione culturale Controsenso in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo.

Prendersi cura dei boschi

Consigli dal libraio. Peter Wohlleben, ex forestale tedesco, gestisce un bosco di tremila acri nelle Germania occidentale. Nel suo libro La saggezza del bosco, pubblicato in Italia da Garzanti, ci racconta tante storie vere della sua esperienza tra gli alberi per farci capire come la nostra salvezza passi (anche) dalla salvezza dei boschi. Disponibile in Bottega al prezzo di copertina di euro 16.

Wohlleben-Lasaggezzadelbosco