Sarà la Romagna di oggi, narrata con la lingua di sempre (il romagnolo), ad aprire la stagione 2016 di appuntamenti culturali in Bottega Matteotti. Venerdì 8 gennaio alle 21, Giovanni Nadiani ci presenta infatti il suo Romagna Village. Ancora storie da caBARet (Discanti 2015). Interventi musicali di Piergiorgio Oriani, chitarra acustica e chitarra elettrica. Al termine: brindisi. Ingresso libero.

Romagna-Village-copertina

Tornano, con Romagna Village, le storie da caBARet di Giovanni Nadiani. Scenette della Romagna-Italia contemporanea nelle quali agiscono personaggi (ma sarebbe meglio dire “persone”, perché inevitabilmente ci immedesimiamo) più che mai attuali.
Si parla di beauty farm, della fatica di fare i genitori, di lavoro precario, di venditori abusivi. I protagonisti sono politicastri di provincia, assicuratori truffaldini, pendolari, coniugi alle prese con la vita di coppia.
Storie raccontate in dialetto romagnolo perché – come dice uno dei personaggi del libro – se me a dges sti cvel ch’a cvè in itagliân, u m’parreb d’cuntêt dal patach e invézi agli è dal varitê! («se dicessi queste cose in italiano, mi sembrerebbe di raccontare delle frottole e invece sono delle verità!»).

Giovanni NadianiGiovanni Nadiani, docente universitario e “artigiano della parola”, è autore di numerosi volumi di poesia (tra cui Guardrail, Pequod 2010), narrativa breve (Spiccioli, Mobydick 2009; Ridente Town, Risguardi 2013), cabaret (Low Society, Carta Canta 2010; Piadina Blues, Discanti 2012) e di una trentina di volumi di traduzioni da diverse lingue e dialetti europei. Con la band blue-jazz Faxtet ha inciso cinque cd poetico-musicali diventati spettacoli itineranti. Da diversi anni scrive anche per il teatro ed è considerato l’“inventore” di quel particolare genere di storie orali da lui definito DialetKabarett.

Piegiorgio Oriani, faentino, dopo gli studi di chitarra si è dedicato alla pedagogia musicale ed è docente di educazione musicale con specializzazione sul sostegno nella scuola media. Da molto tempo le sue esperienze musicali con diverse formazioni si muovono tra la musica da camera, il “popular”, il folk italiano e internazionale.

L’appuntamento è in Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26), ideato e organizzato da Associazione culturale Controsenso, in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo. Direzione artistica di Michele Antonellini. La rassegna di gennaio e febbraio è realizzata con il determinante contributo economico di: Bottega Matteotti; Farmacia Catozzi; ComputerLab; Credito cooperativo ravennate e imoleseNatura Nuova.

Annunci