La prossima settimana ci aspettano ben due nuovi appuntamenti della rassegna dedicata al tema del viaggio. Cominciamo da martedì 8 aprile, alle 21, con l’Odissea di Omero: andremo allla (ri)scoperta del classico, con Piergiorgio Costa; legge Ilario Sirri.

Mosaique_d_Ulysse_et_les_sirenes

Una serata dedicata alla grande avventura omerica. Per rispolverare, approfondire, conoscere uno dei più importanti “classici” dell’umanità, grazie a un professore e a un attore.
Piergiorgio Costa, nato a Lugo nel 1942, si laurea in Lettere classiche all’Università di Bologna dove frequenta pure il corso per il Dottorato di ricerca in Storia moderna. È stato docente di Italiano, latino, greco, e storia nella scuola superiore di secondo grado nella provincia di Ravenna. Studioso di linguistica ed esperto di latino medievale, ha dedicato particolare interesse ai rapporti tra linguaggio musicale e linguaggio poetico anche nel settore idiomatico romagnolo. Legge in prevalenza saggistica, ascolta musica preferendo gli autori francesi del primo Novecento e guarda poca televisione.
Ilario Sirri vive e lavora a Cesena. Si forma come attore partecipando ad alcuni stages teatrali tenuti da artisti, quali Laura Curino, Marco Cavicchioli, Angela Malfitano, Franco Mescolini, Mariangela Gualtieri, Stefano Benni, per poi dedicarsi alla ricerca vocale sotto la guida di Gabriella Bartolomei.

Giovedì 10 aprile, sempre alle 21, ci aspetta una serata di narrazioni e musica dal vivo sul tema del ciclismo e della bicicletta: Pedalando e cantando. Con Pietro Barberini voce narrante e Gianluigi Tartaull voce e chitarra. Al termine, non poteva mancare una degustazione di… pizza ciclista.

Barberini-Tartaull

La bicicletta, bella metafora della vita, trova grande forza nelle imprese dei campioni al Giro e al Tour: è lei la protagonista, dalla bicicletta di Bartali a quella di Rosalina che pedala in un brano di Fabio Concato. Dal gesto atletico alla musica il passaggio è rapido: basta guardare una vecchia telecronaca del Giro d’Italia con le sue rubriche, inaugurate dal mitico Processo alla Tappa o ascoltare Boogie di Paolo Conte: «… i sax spingevano a fondo come ciclisti gregari in fuga…»!
Pietro Barberini è un appassionato ciclista, giornalista, profondo conoscitore delle nostre storie e del nostro territorio, che continua a percorrere su due ruote.
Gianluigi Tartaull da sempre ha provato interesse per il canto, praticandolo dalla musica leggera a quella d’autore, dallo spiritual alla canzone popolare e politica fino a esperienze di carattere polifonico. Nell’ultimo periodo ha portato avanti due progetti: il primo, Ricordando Fabrizio, insieme al gruppo che ha costituito in questa occasione, la Bandeandrè; il secondo, sulla parola cantata, col titolo La poesia es un arma cargada de futuro, insieme al chitarrista Raimondo Raimondi.

Entrambi gli appuntamenti si tengono in Bottega (Bagnacavallo, via Matteotti 26), con ingresso a offerta libera, e fanno parte della rassegna Qua & Là, ideata e organizzata da Associazione culturale Controsenso, in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo. Direzione artistica di Michele Antonellini. Qua c’è il pieghevole con tutti gli appuntamenti della rassegna.

Qua & Là è realizzata
con il determinante contributo economico di:
Bottega Matteotti
Credito Cooperativo ravennate e imolese
Punto Pizza
Toccasana

Annunci