Siamo al terzo appuntamento della rassegna L’università in Bottega. Questa volta ci dedichiamo ai più piccoli. Una bibliotecaria e una pediatra ci diranno perché è importante che i bimbi maneggino i libri prima ancora di saper leggere. In Bottega, giovedì 14 novembre, alle 21. Una serata consigliata particolarmente a genitori e nonni di bambini in età prescolare.

bimbi_che_leggono

Quali effetti può produrre un libro nelle mani di un/una bambino/a di sei mesi, soprattutto se a proporglielo sono coloro che si prendono cura di lui/lei? Con una breve e amichevole chiacchierata entreremo nelle pieghe del progetto Nati per leggere e nei più recenti studi della letteratura medica per comprendere il potenziale esplosivo che la lettura precoce ad alta voce può produrre sullo sviluppo psico-cognitivo e relazionale del bambino.

Nives Benati, bibliotecaria presso la sezione ragazzi della biblioteca comunale Trisi di Lugo, è membro del coordinamento nazionale Nati per leggere. Da anni si occupa della selezione dei libri e della redazione dei testi per le guide bibliografiche Nati per Leggere. Claudia Muratori, pediatra-neonatologa, lavora presso l’Ausl di Ravenna. Collabora al progetto Nati per leggere dal 2004.

Al termine, Igt Rubicone rosato frizzante Campanacci e crostata meringata.

La conferenza si tiene in Bottega (Bagnacavallo, via Matteotti 26). Ingresso libero… ma è gradita un’offerta. L’università in Bottega è ideata e organizzata da Associazione culturale Controsenso, in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo. Direzione artistica di Michele Antonellini.

Annunci