Chiusura della rassegna Qua & Là (viaggi, escursioni, imprese) con un concerto, giovedì 16 maggio, alle 21, in Bottega. A esibirsi, Bardh Jakova (fisarmonica e voce) e Gioele Sindona (violino e darbouka). In collaborazione con la Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli. In viaggio nei Balcani, trasportati dalla sonorità del violino e della fisarmonica. Per conoscere i popoli e la storia attraverso malinconiche melodie zingare e travolgenti balli.

JacovaSindona

Bardh Jakova è nato a Scutari (Albania), presso una famiglia di musicisti: lo zio, Prenke Jakova, è compositore della prima opera nazionale albanese Mrika e premio Onore della Patria conferito dal presidente della repubblica. Il padre, Çesk Jakova, è stato contrabbassista nella Filarmonica di Scutari. Quando non lavora (praticamente sempre), ama ascoltare la musica classica e la musica popolare.
Gioele Sindona è nato a Cesena. Diplomato in violino nel 2006 al Conservatorio Maderna di Cesena, dopo esperienze nell’ambito orchestrale sinfonico-lirico e nell’ambito della musica da camera, da diversi anni si occupa anche di musica etnica e tradizionale. Nel 2004 ha collaborato con il gruppo Bevano Est nella registrazione del disco Ramingo. Dal 2006 al 2011 ha suonato con il gruppo Khorakhanè, con il quale ha inciso un disco (La ballata di Gino) e ha partecipato al festival di Sanremo nella sezione giovani, vincendo il secondo premio della critica.
Sono entrambi fondatori del gruppo Spartiti per Scutari Orkestra con il quale dal 2008 svolgono concerti a livello nazionale.

L’appuntamento, a ingresso libero, fa parte di Qua & Là, rassegna sul tema del viaggio ideata e organizzata da Associazione culturale Controsenso, in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo e il contributo di Az. agricola Testa Lara, ComputerLab, Farmacia Catozzi, Natura Nuova. Qua c’è già il pieghevole con tutti i dettagli.

Annunci