Ultimo appuntamento di questa prima fase di AutorinBottega, questo sabato 31 marzo, ore 17.30, con Alfredo Antonaros e il suo divertente saggio Romagnoli. Guida sentimentale a una terra e al suo popolo (Discanti 2011). Interventi dell’autore, che sarà accompagnato da Giuseppe Bellosi.

Geografie, stereotipi, miti, economia, socialità, personaggi e caratteri di Romagna, in un saggio ad alto tasso narrativo, per (ri)scoprire l’anima di una terra, dei suoi “indigeni” e dei suoi abitatori. Un libro utile per assaporare l’ospitalità romagnola, per conoscere la storia di un territorio dai confini elastici, per incontrare i personaggi immortalati da Olindo Guerrini o da Federico Fellini, per incantarsi di fronte a solenni am’arcôrd, per abbandonarsi ai piaceri della Riviera, per annusare il profumo del Sangiovese, per comprendere la Romagna di ieri e quella di oggi. Utile, sì, perché Romagnoli è nello stesso tempo guida di viaggio e lettura disimpegnata, istruzione e divertimento. Un’antropologia del romagnolo, comprensibile da Bolzano a Palermo, degustabile – come scrive l’autore – «in spiaggia, o su una panchina alle terme». Con questo prezioso invito, tratto dalla saggezza popolare: «Schêrpa lêrga e bichìr pen, tu e’ mònd coma ch’e’ ven» («scarpa larga e bicchiere pieno, prendi il mondo come viene»).

Alfredo Taracchini Antonaros, giornalista e scrittore, ha lavorato con la Rai, con Gambero Rosso Channel, e con diversi quotidiani e riviste. È autore di saggi e romanzi, molti dei quali tradotti all’estero, tra cui La piattaforma (Jacabooks 1997), Per Sarah, Maho: storia di cinema e petrolio, Tornare a Carobel, editi da Feltrinelli, e L’anno dei giorni rubati, edito da Pendragon.

AutorinBottega tornerà a ottobre, con un nuovo calendario di appuntamenti.

Annunci