Dopo il saggio sullo straniero nell’opera lirica e le poesie di Cristina Croatti, in arrivo il terzo appuntamento di AutorinBottega 2012. Signore e signori, il romanzo!

Sabato 25 febbraio, ore 17.30, sempre in Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26), con ingresso libero, Paolo Donati presenta Verso la felicità volevano tornare (Mobydick 2011). Interviene Marina Sangiorgi.

Potremmo sospettare che le nostre storie personali s’intreccino con la Storia, quella con la maiuscola, guidate da una casualità a volte un po’ sospetta, no? Donati s’interroga al riguardo in maniera originale, avvincente: i suoi protagonisti attraversano – spauriti e dolenti, ma fieramente intenzionati a uscirne vivi – la Seconda Guerra mondiale, si organizzano per ricostruire, si amano, tradiscono, magari abbandonano l’Italia cercando d’impiantare radici altrove, adorano il buon cibo e il vino rosso, a volte si ritrovano per poi fuggire nuovamente. Si commuovono ascoltando canzoni alla radio, eccitandosi al ritmico fluire del tango se non piuttosto della chitarra jazz di Django Reinhardt. Un incrociarsi di esistenze che affronta i mutamenti epocali degli ultimi decenni, che evita le facili nostalgie del “bel tempo che fu” eppure rivendica l’importanza della memoria come radice di qualsiasi futuro.

Paolo Donati è nato a Forlì nel 1953. Vive e lavora a Bologna, dove – dopo la laurea in Giurisprudenza – ha aperto uno studio legale con la moglie. Ha pubblicato il romanzo Testimoni di passaggio (Gallo & Calzati) e ha collaborato con «Bonews», rivista mensile per la quale ha curato una rubrica di musica jazz. Alcuni dei suoi racconti sono stati pubblicati, tra il 2008 e il 2010, in varie antologie.

Annunci