Gli orari di settembre

A partire dal mese di settembre, l’apertura mattutina (dal lunedì al venerdì) ritorna alle 7.30. Per il solo mese di settembre, invece, Bottega Matteotti sarà aperta anche il mercoledì (sia mattino che pomeriggio).

Dal 12 al 23 settembre, sabato 17 escluso, sarà attivo un servizio su appuntamento tra le ore 19.45 e le ore 20.45. Gli appuntamenti, uno ogni quarto d’ora, possono essere fissati utilizzando i soliti recapiti: info@bottegamatteotti.it, 054560784, 3337981563.

Disegnar per borghi

I borghi a matita è la nuova mostra in vetrina. Espone Simone Delladio.

In mostra una serie di disegni realizzati con il metodo dello sketchcrawl: si gira per una città, o un paese, e si fanno schizzi di tutto ciò che cattura l’attenzione.

Simone Delladio è nato a Trento nel 1980. Dopo aver studiato al liceo artistico di Rovereto, si iscrive alla Scuola del Fumetto di Milano, dove frequenta prima il corso triennale di Fumetto realistico, poi quello di Illustrazione e infine il corso annuale di Sceneggiatura. Terminata la scuola, ha la possibilità di collaborare come fumettista per diverse realtà editoriali: Renoir Comics, Absolute Black e, per l’illustrazione, Asmodee Italia. Negli anni a seguire collabora con altre case editrici di importanza nazionale, sia in veste di fumettista che di illustratore: Gruner und Jahr/Mondadori, Rizzoli (mensile Max), Star Comics (Legion 75), Inkiostro (Cannibal FamilyParanoid BoydTorture Garden), Yemaya/Asmodee Italia (Dojo Kun), Da Vinci (Anno Domini), Pavesio Production, Kleiner Flug, NPE Editore, Midian Comics (The Noise) e, non per ultima, l’americana Dark Horse (Creepy). Dal 2019 è disegnatore e inchiostratore per la Sergio Bonelli Editore sulla serie regolare di Dampyr.

La mostra è nella vetrina di Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26) fino al 16 ottobre.

I borghi a matita fa parte di Bottega Matteotti: Arte in vetrina, spazio espositivo permanente curato da Andrea Tampieri, artista e insegnante di discipline artistiche di Bagnacavallo. Le mostre sono organizzate da Associazione culturale Controsenso in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo.

Il tempo di Miii

Abbiamo una nuova mostra in vetrina, che ci terrà compagnia per quasi tutta l’estate: Nel tempo di Miii.

Con questa mostra Miii (Mi Hee CHO) ci propone opere realizzate in tempi differenti, un viaggio abitato da sogni e realtà. Sono opere che danzano gioiosamente o con passi di lieve malinconia. L’emozione quindi è impressa nelle forme attraverso uno spettro di colori a volte avvolgenti e immediati, altre volte più intimi e velati.

Miii (Mi Hee CHO) si è appassionata all’arte fin da giovane frequentando botteghe artistiche a Seul. A Faenza ha frequentato l’Istituto statale d’arte per la ceramica Ballardini e l’Istituto statale d’arte per il mosaico Severini di Ravenna. Sculture, ceramiche, mosaici e pitture sono la sua felicità. Nelle sue opere c’è un contrasto voluto tra fantasia e realtà come valore fondante. Nel 2003 ha ricevuto il Premio speciale Alfredo Sila alla terza biennale Giovani scultori di Bagnacavallo, conferitole dall’Associazione Arte e dintorni. Ha all’attivo mostre personali e collettive. Lavora ed espone nel suo studio faentino: Miii Studio d’Arte.

La mostra è nella vetrina di Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26) fino al 28 agosto.

Nel tempo fa parte di Bottega Matteotti: Arte in vetrina, spazio espositivo permanente curato da Andrea Tampieri, artista e insegnante di discipline artistiche di Bagnacavallo. Le mostre sono organizzate da Associazione culturale Controsenso in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo.

La campagna scuola 2022/2023

Ci risiamo: si comincia a intravedere la fine di questo anno scolastico ma è già tempo di sbrigare alcune faccende per affrontare il prossimo.

Poco più sotto trovate tutte le modalità e offerte. Ricordo che per le prenotazioni dei testi non è necessario conoscerne i titoli: sarà mia cura recepire le adozioni quando verranno decise. Ricordo, quindi, che per la prenotazione occorre soltanto sapere la scuola e la classe da frequentare. La prenotazione dei testi può conseguentemente essere fatta a distanza, utilizzando i contatti: info@bottegamatteotti.it, tel. 054560784, Facebook, cell./WhatsApp 3337981563. Naturalmente è possibile anche venire personalmente durante gli orari di apertura.

Ai genitori di bimbi che s’iscrivono alla prima elementare: leggete sotto, c’è una nota dedicata a voi soltanto.

Elementari

Prenota i libri e avrai uno sconto del 10% su cancelleria, zaini e astucci.

Medie e superiori

Prenota i libri e avrai uno sconto del 10% sul prezzo di copertina sotto forma di buono da utilizzare in cancelleria; terminato il buono avrai uno sconto del 10% su cancelleria, zaini e astucci.

Per chi deve iscriversi alla prima elementare

Ti ricordo che i libri vanno prenotati. Se li prenoti in Bottega, naturalmente, avrai diritto allo sconto su citato.

Acquisti di classe

Se sei un rappresentante di classe o se nella tua classe c’è un rappresentante, vieni a fare un preventivo per la cancelleria: ci sono sconti speciali per gli acquisti di classe.

Libri per le vacanze, ricopertura

Ricordiamo che in Bottega è possibile prenotare anche i libri per le vacanze e usufruire del servizio ricopertura.

L’immagine con i Pinocchi è un dipinto di Ilario Sirri.

I Tre volti di Pietro Galeati

Ecco la nuova mostra in vetrina: Tre volti, opere di Pietro Galeati.

Classe 1998, Pietro Galeati mostra subito una predisposizione all’arte applicata, che inizia a sperimentare, già durante le scuole secondarie di primo grado, costruendo e colorando miniature e scene per i giochi da tavolo. Mentre frequenta il Liceo artistico Nervi-Severini di Ravenna si appassiona alla street art, in particolare alla variante writing. Dopo il diploma prosegue nella ricerca lavorando all’elaborazione digitale della fotografia, che sfocia nell’installazione di alcuni grandi ritratti negli spazi della Darsena Pop Up di Ravenna. Nello stesso periodo, insieme ad altri colleghi, mette a punto un progetto multimediale dal titolo Senza nome, rivolto prima di tutto ai coetanei. L’iniziativa si blocca a causa della pandemia e arriva a compimento solo a inizio 2022, in forma però indipendente: una mostra personale, proposta nei locali sfitti di un ex negozio, come segnale di come si potrebbero utilizzare i tanti spazi vuoti della città. Il progetto ha un’omogeneità stilistica particolare, che trasporta su tela tecniche proprie della street art, rinnovandole. Nei mesi del lockdown realizza copertine per cd di rapper locali e murales per i locali di attività commerciali della città.

La mostra è nella vetrina di Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26) fino al 19 giugno.

Tre volti fa parte di Bottega Matteotti: Arte in vetrina, spazio espositivo permanente curato da Andrea Tampieri, artista e insegnante di discipline artistiche di Bagnacavallo. Le mostre sono organizzate da Associazione culturale Controsenso in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo.

A Bagnacavallo con Aldo Burattoni

La mostra in vetrina di marzo/aprile è dedicata ad alcune importanti architetture di Bagnacavallo. Le opere esposte sono di Aldo Burattoni.

Aldo Burattoni si forma presso la scuola d’arte di Bagnacavallo dove, sotto la guida di Liliana Santandrea, sviluppa l’attività plastica, pittorica e grafica. Si perfeziona nelle varie discipline con Emidio Galassi, Edo Gaudenzi, Jurgen Czaschka e presso la scuola internazionale di grafica di Venezia. Negli ultimi periodi si dedica prevalentemente all’attività incisoria spaziando dalle tecniche tradizionali a quelle sperimentali. Durante la sua attività artistica ha esposto in numerose collettive, personali, concorsi sul territorio nazionale e in Spagna, Brasile, Repubblica Ceca, Germania, Francia, Macedonia, Malta, Portogallo.

La mostra è nella vetrina di Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26) fino al 20 aprile.

A Bagnacavallo fa parte di Bottega Matteotti: Arte in vetrina, spazio espositivo permanente curato da Andrea Tampieri, artista e insegnante di discipline artistiche di Bagnacavallo. Le mostre sono organizzate da Associazione culturale Controsenso in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo.

Due (modesti ma importanti) cambiamenti

Carissime, carissimi, clienti tutti, la situazione economico/finanziaria di Bottega Matteotti è critica. Devo quindi introdurre, a partire da lunedì 31 gennaio, due cambiamenti.

Il primo: la sospensione dello sconto tessera. Significa che non perderete quanto accumulato finora cosicché nel futuro, se le condizioni permetteranno la ripresa dello sconto, ognuno ripartirà dall’ammontare di spesa che ha adesso. Ma in questo momento, al fine di aumentare un poco il risicato margine di guadagno e diminuire i costi, non posso più offrirvi quello sconto a cui siete abituati.

Nessun cambiamento, invece, nella scontistica della campagna scuola: chi ha ordinato i libri scolastici in Bottega, e chi lo farà, otterrà il solito sconto sui prodotti di cancelleria.

Secondo cambiamento: Bottega Matteotti sarà chiusa anche il mercoledì mattina, oltre al mercoledì pomeriggio, domenica e festivi. Utilizzerò questo tempo per lavorare all’altra mia attività che, come molti di voi forse sanno, consiste nell’organizzazione di eventi culturali (Covid permettendo). Riepilogo gli orari, come promemoria: dal lunedì al venerdì 7.30/12.30, 16/19.30; sabato 8.30/13, 16/19.30; chiuso mercoledì, domenica e festivi. Potete sempre contattarmi, per ogni esigenza o difficoltà, ai recapiti: 054560784, info@bottegamatteotti.it, cell./WhatsApp 3337981563.

Spero che questi cambiamenti non vi procurino troppo disagio e che conseguentemente continuerete a frequentare Bottega Matteotti; d’altronde la somma dei vostri piccoli sacrifici potrebbe portare al grande risultato di salvare un progetto che, mi auguro, consideriate utile (anche se non indispensabile) alla comunità bagnacavallese.

Un caloroso ringraziamento e un saluto.

Michele Antonellini

La sublimazione del tempo

Da oggi è esposta la personale di Simone Zaccarini dal titolo La sublimazione del tempo.

L’uomo posto di fronte alla natura dapprima dimostra un senso di smarrimento ma riconosce, grazie all’esperienza, la propria superiorità su di essa, ormai la natura non fa più paura, non suggestiona o incuriosisce, anzi diventata qualcosa di fragile da proteggere. Le opere nascono dalla contemplazione della natura immobile e del loro spazio all’interno del tempo, un tempo che sconfina nell’infinito, contrastando con la nostra “finitezza”. Partendo da questo presupposto, l’artista ha realizzato una serie di alberi tra lo statico e il movimento, che affiancati diano un senso di moto e profondità; degli ingrandimenti di particolari di tronchi che sembrano uscire dalla realtà; e animali che scrutano lo spettatore come se fossero nell’attesa di qualcosa.

Simone Zaccarini nasce nel 1998 a Faenza e vive a Castel Bolognese. Si diploma al Liceo artistico Nervi Severini. Partecipa al concorso That’s a Mole e si avventura nel mondo della scenografia, realizzando per una compagnia di ballo la scenografia dei saggi di fine anno nel 2016-2017-2018, andati in scena nel teatro Masini di Faenza. Nel 2018 s’iscrive al corso di Grafica d’arte presso l’Accademia di belle arti di Bologna, dove studia tuttora.

La mostra è nella vetrina di Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26) fino al 27 febbraio.

La sublimazione del tempo fa parte di Bottega Matteotti: Arte in vetrina, spazio espositivo permanente curato da Andrea Tampieri, artista e insegnante di discipline artistiche di Bagnacavallo. Le mostre sono organizzate da Associazione culturale Controsenso in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo.

Matteo e il cambiamento

La mostra in vetrina, fino al 9 gennaio, ha per titolo Pelle e ci presenta opere del bagnacavallese Matteo Moni.

Il filo conduttore che riunisce la scelta di diverse tecniche e narrative nei vari lavori è il cambiamento. Cambiamento come argomento scottante degli ultimi anni, che ci ha ricordato quanto valga il saper prendere decisioni per poterlo vivere come un periodo non solo di instabilità, ma anche di crescita personale. Queste sono le immagini che Matteo ha prodotto nel mezzo di questa fase, e così come l’obiettivo del tema stesso anche l’ambiguità narrativa dei lavori permette la più ampia reinterpretabilità possibile da parte di chi li osserva. Ogni immagine viene dipinta o disegnata con la resa più realistica possibile, senza utilizzare alcun riferimento fotografico o dal vero, lavorando mnemonicamente. Per renderlo possibile, la tecnica viene raffinata attraverso esercizi di anatomia umana e comparata, studi di chiaroscuri, illuminazione, ombreggiatura, studi sul tratto, sulla materia e studi dal vero.

Matteo Moni nasce a Ravenna il 29 ottobre 1999. Il suo interesse per il disegno nasce durante l’infanzia. Dopo il diploma si trasferisce a Firenze, dove inizia a frequentare l’Accademia di Belle Arti.

La mostra è nella vetrina di Bottega Matteotti (Bagnacavallo, via Matteotti 26) fino al 9 gennaio.

Pelle fa parte di Bottega Matteotti: Arte in vetrina, spazio espositivo permanente curato da Andrea Tampieri, artista e insegnante di discipline artistiche di Bagnacavallo. Le mostre sono organizzate da Associazione culturale Controsenso in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune di Bagnacavallo.